logo

ARL SA: “Falsificata la firma dell'ex direttore”

L'ex dirigente risulterebbe tuttora responsabile della società nei registri dei professionisti del settore

Zocchetti
 
11
luglio
2018
17:17
Red. Online

LUGANO - Nonostante l'allontanamento del direttore i Autolinee Regionali Luganesi SA (ARL SA), nell'autunno del 2017, la firma dell'ex direttore sarebbe stata "ripetutamente falsificata [...] sui documenti di viaggio". Questo perché "a tutt'oggi egli figura iscritto come responsabile a tutti gli effetti della Società Autolinee Regionali Luganesi SA nell'apposito registro dei professionisti del settore, gestito dall'Ufficio federale dei trasporti, al quale hanno accesso tutte le autorità di polizia". È quanto sostiene il difensore dell'ex responsabile, in un comunicato stampa, dopo la diffusione, da parte del Dipartimento del territorio, di una nota nella quale si annunciava l'emergere di "ulteriori potenziali irregolarità inerenti l'ammontare delle sue retribuzioni" a carico dell'ex direttore di Autolinee Regionali Luganesi (ARL).

"Le accuse rivolte all'ex direttore, oltre ad essere particolarmente infamanti, si stanno rivelando prive di qualsiasi fondamento" scrive ora l'avvocato Marco Broggini, prima di aggiungere: "Ancora una volta il mio cliente viene esposto alla gogna mediatica facendo leva su un falso pretesto".

"Non corrisponde assolutamente al vero che sarebbero emerse ulteriori irregolarità e che si sarebbe resa necessaria una segnalazione al Ministero pubblico" si legge nella nota. "È oltremodo auspicabile - scrive infine il legale - che il Dipartimento del territorio e il rappresentante del Cantone in ARL Gianmaria Frapolli si occupino di questi aspetti, e cessino una volta per tutte di infangare gratuitamente il mio cliente".

Prossimi Articoli

Gravi ferite per la giovane che ha mancato la piscina

La 19.enne svizzera è atterrata sul prato dopo un volo di circa 4 metri - L'infortunio è avvenuto a Curio, la vita della ragazza non sarebbe in pericolo

Con le targhe “sbagliate” e senza patente si danno alla fuga

Un 42.enne italiano e una 28.enne turca, entrambi domiciliati nel Luganese, sono stati fermati questa notte a Melide dopo essere sfuggiti a un controllo

Argo1: ex agente indagato anche in Italia

Il Tribunale penale federale concede l'assistenza giudiziaria alla vicina Penisola - L'uomo aveva fatto propaganda jihadista in Ticino e aiutato dei foreign fighters a raggiungere i territori dello Stato islamico

Edizione del 17 luglio 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top