logo

Un tranquillo autunno senza Nobel

keystone
 
11
ottobre
2018
06:00
Matteo Airaghi

di MATTEO AIRAGHI - Chissà se, come l'estate senza sole in cui Mary Shelley scrisse «Frankenstein», anche questo autunno rimarrà nella storia della letteratura come quello dell'anno senza Nobel. Ne dubitiamo: non solo perché non si tratta della prima volta ma anche perché stavolta cause e conseguenze della provvisoria sospensione del riconoscimento letterario più ambito del mondo sono molto diverse. D'altronde non è che, a parte i lamenti di prammatica di qualche...

Riservato agli abbonati   

L'articolo che vuoi leggere è riservato agli abbonati

Prossimi Articoli

Ci vorrebbe il battipanni della nonna

L'EDITORIALE DI BRUNO COSTANTINI

Uno scudo per le vittime della barbarie

L'EDITORIALE DI OSVALDO MIGOTTO

Edizione del 22 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top