logo

"Ecco la mia vita d'artista"

Serena Brancale venerdì e sabato a JazzAscona

 
Serena Brancale
 
28
giugno
2018
06:00
red.spettacoli

ASCONA - S'iniziò a parlare di lei nel 2015, quando al Festival di Sanremo di quell'anno la sua Galleggiare rappresentò uno dei migliori momenti di quell'edizione. Giusto un anno fa, la sua prima apparizione a JazzAscona con Israel Varela e Angelo Trabucco per il progetto Soulenco strappò consensi unanimi. Nell'Asconese trasformato in Louisiana, domani, venerdì 29 giugno alle 21.30 (Stage New Orleans) e sabato (21.30, Stage Elvezia), torna Serena Brancale per presentare in «Quartet» e in assoluta anteprima, i brani di Vita d'artista, album registrato nel novembre 2017 negli studi Canaa di Losone. «È un lavoro che mi rappresenta molto di più rispetto al primo. È più contaminato, sono esattamente io. L'ho seguito nei minimi particolari, dalla definizione della struttura dei brani fino alla sua conclusione. Ovviamente, accettando i suggerimenti dei grandi musicisti che lo suonano»,racconta la cantante nell'intervista che pubblichiamo oggi, giovedì, sul CdT, aggiungendo, sulla sua reale vita d'artista: «Sono pugliese, ma da due anni vivo a Roma, lontana dalla mia famiglia. Ho le responsabilità di gestirmi da sola. Oggi l'artista è una creatura indipendente, non può più permettersi di aspettare la chiamata della casa discografica per fare qualcosa. Artista è qualcuno che ha idee, e le vuole sviluppare. Insomma, deve farcela da solo. Essere artista oggi è anche partire per un concerto dopo aver fatto la lavatrice. I tempi sono leggermente cambiati...».

 Il sito di JazzAscona

Edizione del 23 luglio 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top