logo

Casse pensione: tasso copertura sale di 5 punti

 
11
luglio
2018
12:25
ats

ZURIGO - I bilanci delle 30 maggiori imprese svizzere sono migliorati lo scorso anno dal profilo del grado di copertura delle loro casse pensione. La Svizzera si trova così ben posizionata nel raffronto internazionale. Il tasso di copertura medio - ossia il rapporto tra gli attivi e gli impegni per le pensioni - delle trenta più grandi aziende quotate alla Borsa svizzera è passato nel 2017 dall'80% all'85%, secondo le norme internazionali di presentazione dei conti.

Il passo in avanti, ha indicato oggi la società di consulenza Willis Towers Watson, si deve a un calo di 3,6 miliardi degli impegni previdenziali (-1,7%) e nel contempo a un aumento di 0,9 miliardi degli attivi in gestione (+0,4%).

Le aziende svizzere si situano così sullo stesso livello delle imprese americane, dove il tasso di copertura è salito dall'82% all'87%, secondo il "Willis Towers Watson Pension 100 Index 2017". Le imprese quotate al DAX di Francoforte hanno dal canto loro registrato un rialzo dal 63% al 68%, afferma la società di consulenza, precisando che nel 2017 il tasso di copertura è progredito a livello globale.

Le casse pensioni elvetiche hanno peraltro generato una elevata redditività degli investimenti del 7,8%, con una ripartizione degli attivi in gran parte immutata e malgrado un contesto generale di tassi bassi.

Prossimi Articoli

Scandalo Vincenz, giù il rating di Raiffeisen

L'agenzia Moody's ha ridotto da Aa2 ad Aa3 il rating di credito a lungo termine del gruppo bancario

Le banche centrali e i mercati

Se ne parla questa sera (22.00) a Index su TeleTicino, conduce Lino Terlizzi

Edizione del 20 luglio 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top