logo

“Le accuse sono pesanti, vogliamo delle risposte”

Così si è espresso il portavoce di Downing Street sull'insabbiamento di uno scandalo di sfruttamento della prostituzione dell'Oxfam

London Tourist
 
10
febbraio
2018
17:39
ats / Red. Online

LONDRA - Il governo britannico sta valutando l'ipotesi di rivedere i rapporti con Oxfam, l'organizzazione umanitaria finita nella bufera dopo le accuse di aver insabbiato uno scandalo di sfruttamento della prostituzione da parte dei suoi operatori e dirigenti ad Haiti nel 2010.

"Il rapporto sui comportamenti inaccettabili da parte di personale di alto livello di Oxfam ad Haiti è scioccante", ha dichiarato un portavoce di Downing Street che adesso chiede alla celebre ong "di portare tutte le prove che ha alla commissione interna per un'indagine immediata ed esaustiva sulle accuse".

"Oxfam deve fornire delle risposte", ha incalzato un portavoce del Dipartimento per lo sviluppo internazionale che sta pensando di rivedere i finanziamenti all'organizzazione umanitaria che l'anno scorso ha ricevuto 32 milioni di sterline.

"Noi lavoriamo spesso con organizzazioni in circostanze caotiche e difficili. Se sono stati compiuti crimini, abusi o frodi dobbiamo saperlo subito e in modo approfondito", ha sottolineato il portavoce del dipartimento ai media britannici.

Lo scandalo è esploso ieri dopo che il Times ha pubblicato un'inchiesta che accusa Oxfam di aver insabbiato le responsabilità dei suoi operatori, anche a livello dirigenziale, che avevano frequentato dopo il terremoto di Haiti nel 2010 un sordido giro di prostitute sull'isola, coinvolgendo forse anche ragazzine.

Prossimi Articoli

“Una scuola libera dalle armi è una calamita per i cattivi”

Lo ha twittato Donald Trump dopo aver ritrattato l'armamento dei docenti: "Non ho mai detto di armare gli insegnanti, ma solo quelli esperti di armi con esperienza militare "

Corteo contro CasaPound a Torino: è guerriglia

Gruppi di manifestanti hanno divelto le recinzioni di un cantiere stradale vicino alla stazione ferroviaria di Porta Susa e hanno raccolto pietre scagliandole contro la polizia

La guerra in Siria, 400 morti nella Ghuta

Si appesantisce il bilancio dei civili uccisi nei bombardamenti governativi da domenica: una mattanza che ha colpito anche tanti bambini - Dure critiche dagli USA ad Assad

Edizione del 23 febbraio 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top