logo

“Pronti a colloqui con Pyongyang sul nucleare”

Il vicepresidente degli Stati Uniti Mike Pence, di ritorno dalle Olimpiadi, apre al dialogo con la Corea del Sud

 
12
febbraio
2018
20:57
ats

WASHINGTON - "La pressione massima continuerà e andrà intensificandosi. Ma se si vuole parlare, parleremo". Il vicepresidente degli Stati Uniti Mike Pence rientra dalla missione 'olimpica' in Corea del Sud 'aggiustando' così la strategia di Washington verso Pyongyang e la minaccia del suo programma nucleare, dopo la 'freddezza' che ha volutamente caratterizzato la partecipazione del vice di Donald Trump all'apertura della Olimpiadi invernali.

Ma se la 'diplomazia olimpica' offre su alcuni piani spunti per un possibile disgelo nella Penisola coreana, è poi il segretario di Stato Usa Rex Tillerson ad invitare alla cautela: è "troppo presto" per dire se i tentativi di disgelo fra le due Coree siano veri segnali di apertura verso un autentico processo politico, dice.

Aspettare, quindi, per un gesto concreto. È il mantra dell'amministrazione Trump che si rafforza nella sintesi di Pence -"massima pressione e impegno allo stesso tempo"- , pur proiettando un minimo passo avanti con l'apertura ai colloqui. Del resto l'ipotesi era emersa in più occasioni anche nei mesi scorsi, in un'altalena di dichiarazioni poi sempre 'contenute' ma che comunque rivelavano l'esistenza del tema.

Ancora Tillerson, a dicembre, diceva "incontriamoci", con un'apertura senza precedenti verso il regime di Kim Jong-un, affermando che l'amministrazione Usa era "pronta a parlare con Pyongyang" nell'ambito di "colloqui esplorativi e senza precondizioni". Dunque via libera al dialogo senza la pretesa che i nordcoreani rinuncino prima al loro programma missilistico e nucleare.

Allora intervenne la Casa Bianca a pigiare sul freno, affermando che la posizione (non così netta ndr) del presidente Donald Trump non era cambiata, e fu letto come un altro strappo fra Tillerson e il commander in chief. Così anche in quest'ottica le parole di Pence - in un colloquio con il Washington Post di rientro dalla Corea del Sud - suonano come un'apertura. Il lavoro è stato tutto fatto dietro le quinte, perché l'immagine ufficiale degli Usa ai Giochi è quella di Pence che resta ieratico nel box vip a pochi metri dalla sorella di Kim Jong-un, Kim Yo Jong.

Così è la Corea del Sud ad avvicinarsi per prima, e la risposta nell'immediato è l'invito che Kim Jong-un ha esteso al presidente sudcoreano Moon Jae-in di visitare Pyongyang "alla prima data utile". Però Washington non può che guardare anche alle mosse della Cina: Kim Yong-nam, alla guida della delegazione nordcoreana che in Corea del Sud ha partecipato alla cerimonia d'apertura delle Olimpiadi, ha visto anche l'inviato speciale cinese nella sua visita di tre giorni.

E Pechino ha inviato il suo messaggio: auspica che "il dialogo delle Olimpiadi si estenda al dialogo di routine e che il dialogo tra Corea del Nord e del Sud si estenda a tutte le parti rilevanti, specialmente tra Corea del Nord e Usa", ha detto il portavoce del ministero degli Esteri cinese.

Prossimi Articoli

“Una scuola libera dalle armi è una calamita per i cattivi”

Lo ha twittato Donald Trump dopo aver ritrattato l'armamento dei docenti: "Non ho mai detto di armare gli insegnanti, ma solo quelli esperti di armi con esperienza militare "

Corteo contro CasaPound a Torino: è guerriglia

Gruppi di manifestanti hanno divelto le recinzioni di un cantiere stradale vicino alla stazione ferroviaria di Porta Susa e hanno raccolto pietre scagliandole contro la polizia

La guerra in Siria, 400 morti nella Ghuta

Si appesantisce il bilancio dei civili uccisi nei bombardamenti governativi da domenica: una mattanza che ha colpito anche tanti bambini - Dure critiche dagli USA ad Assad

Edizione del 23 febbraio 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top