logo

Arrestati da Starbucks per essere rimasti nel locale senza ordinare

Due afroamericani sono finiti in manette a Filadelfia dopo che un dipendente della nota catena ha chiamato la polizia - Manifestanti davanti al caffè - IL VIDEO

 
16
aprile
2018
08:15
Red. Online/ats

FILADELFIA - Starbucks nella bufera per l'arresto, martedì scorso, senza apparente motivo, di due afroamericani in un suo caffè di Filadelfia. A chiamare la polizia un dipendente del locale, irritato dal fatto che i due giovani non ordinavano nulla e, invitati ad uscire, si sono rifiutati.

La scena, con i due giovani ammanettati dagli agenti e portati via, è stata ripresa con i telefonini da molti avventori e ha scatenato un'ondata di proteste da parte delle associazioni per la difesa dei diritti civili e di tanta gente comune, soprattutto dopo che il video è diventato virale sulla rete e sui social media. L'accusa imbarazzante è quella di "discriminazione" e comportamento "razzista", tanto che il Ceo di Starbucks, Kevin Johnson, è stato costretto a pubblicare una lettera di scuse definendo l'episodio "riprovevole": "Faremo di tutto - ha affermato - perché nei nostri locali episodi del genere non avvengano mai più".

Manifestanti davanti al caffè

Decine di persone stanno manifestando davanti a Starbucks. "Il caffè Starbucks è contro i neri" è uno degli slogan cantati dai manifestanti, che si sono radunati intorno alle sette del mattino locali. "Non vogliamo che questo punto vendita Starbucks realizzi alcun guadagno oggi. Questo è il nostro obiettivo" dice Abdul-Aliy Muhammad, uno degli organizzatori della protesta e cofondatore di Black and Brown Workers Collective.

  Il video

Prossimi Articoli

Paura ad Hollywood: ostaggi in un supermercato, uccisa una donna

Un giovane armato ha preso in ostaggio per diverse ore decine di persone - Una ragazza è stata uccisa da un colpo d'arma da fuoco

Israele aiuta la fuga di 800 "Caschi bianchi" siriani

Centinaia di membri della difesa civile siriana hanno potuto raggiungere la Giordania grazie all'aiuto dell'esercito israeliano

“Le condizioni di Marchionne sono peggiorate”

Il gruppo Fiat Chrysler Automobiles ha comunicato che le condizioni di salute dell'italo-canadese sono "peggiorate in maniera significativa" - Oltre a FCA, anche Ferrari cambia presidente e CEO

Edizione del 22 luglio 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top