logo

Un'azienda farmaceutica blocca una condanna a morte

Nevada - Le sostanze usate per l'iniezione letale erano state ottenute illegalmente: rinviata l'esecuzione di un omicida

Archivio CdT
 
12
luglio
2018
06:58
ats

WASHINGTON - Per la prima volta una azienda farmaceutica e' riuscita a bloccare una condanna a morte sostenendo che una delle sostanze scelte per l'iniezione era stata ottenuta illegalmente e che il 'cocktail' finale non era stato testato in una pena capitale. E' successo in Nevada, dove un giudice ha rinviato l'esecuzione prevista nelle prossime ore di Raymond Dozier, 47 anni, condannato per due diversi omicidi nel 2002 e nel 2005. Era stato lo stesso detenuto a chiedere di essere ucciso, "anche se è inevitabile soffrire". Ma il giudice distrettuale Elizabeth Gonzalez ha accolto il ricorso della Alvogen, che si era opposta all'uso del suo midazolam nelle pene capitali.

Prossimi Articoli

Khashoggi secondo i media è stato torturato e fatto a pezzi ancora vivo

Ulteriori dettagli sulla scomparsa del giornalista nel consolato saudita di Istanbul

YouTube down per oltre un'ora in tutto il mondo

Sul profilo Twitter l'azienda ha ringraziato l'utenza per le segnalazioni relative al disservizio e informa che sono in corso le operazioni per ripristinare tutte le funzioni

Crimea, esplosione causa 18 morti e 50 feriti

Il fatto è avvenuto nella mensa dell'Istituto politecnico di Kerch - L'autore è uno studente che si è poi ucciso

Edizione del 17 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top