logo

L'uragano Michael si rafforza e spaventa gli Usa

Allarme negli Stati Uniti: Florida e Alabama dichiarano lo stato di emergenza - Evacuate oltre 100 mila persone

Keystone
 
09
ottobre
2018
20:33
ats

NEW YORK - È allarme negli Stati Uniti per l'uragano Michael, che si sta rafforzando e prosegue la sua marcia verso la costa del Golfo della Florida. Il "Sunshine State", insieme all'Alabama, ha dichiarato lo stato di emergenza per oltre 100 contee, e 2500 uomini della Guardia nazionale sono già stati mobilitati. In dieci contee è stata ordinata l'evacuazione obbligatoria, che coinvolge oltre 100'000 persone.

Michael è attualmente un uragano di forza 3 (su 5), con venti fino a 193 km/h e dovrebbe colpire la punta meridionale della Florida domani, portando fino a 30 centimetri di pioggia e alzando il livello del mare di 3,7 metri.

Il National Hurricane Center ha avvertito che la tempesta è in rapido movimento e potrebbe toccare terra mercoledì pomeriggio vicino a Panama City, 160 chilometri a ovest di Tallahassee. Poi dovrebbe fare rotta su Alabama, Georgia, Carolina del Nord e Carolina del Sud.

Al suo passaggio in America Centrale, Michael ha provocato tredici vittime tra El Salvador, Honduras e Nicaragua.

"Florida, è un imperativo che prestiate attenzione alle indicazioni dello Stato e dei funzionari locali. Per favore siate preparati, prudenti e mettetevi al sicuro", ha scritto su Twitter il presidente americano Donald Trump.

Il governatore della Florida, Rick Scott, ha detto che l'impatto dell'uragano potrebbe iniziare a sentirsi già dalle prossime ore: "Si prevede che Michael sia la tempesta più distruttiva che ha colpito la Florida Panhandle in decenni. Sarà enorme e forse devastante".

Il collega dell'Alabama, Kay Ivey, ha emesso lo stato di emergenza in previsione di massicce interruzioni di corrente, danni e detriti causati dai venti forti. E in Georgia il governatore Nathan Deal ha dichiarato lo stato di emergenza preventiva per 92 contee: "Chiedo a tutti i cittadini di unirsi a me nella preghiera per la sicurezza della nostra gente, e di tutti coloro che sono sulla traiettoria dell'uragano Michael", ha spiegato.

Il servizio meteorologico AccuWeather ha calcolato che l'impatto economico sarà intorno ai 15 miliardi di dollari (grossomodo la medesima somma in franchi), una cifra inferiore ai 60 miliardi calcolati dall'agenzia meteorologica per l'uragano Florence, che ha colpito North e South Carolina il mese scorso. Il numero uno di AccuWeather, Joel Myers, ha spiegato che questo dipende dal fatto che Michael dovrebbe muoversi molto più velocemente di Florence.

Prossimi Articoli

L'ira di Mosca su Trump: “Sono intimidazioni inaccettabili”

La fine del trattato minacciata dal presidente americano potrebbe segnare l'avvio di una nuova guerra fredda e di una nuova corsa agli armamenti

Gorbaciov contro Trump: “È un errore uscire dal trattato”

L'ex presidente dell'Urss critica la decisione di ritirare gli Usa dall'intesa siglata nel 1987 con la Russia sui missili nucleari

Afghani votano e sfidano i talebani, è una carneficina

Quasi nove milioni di persone si sono messe in fila ai seggi per eleggere la Camera bassa del Parlamento

Edizione del 22 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top