logo

Romania nel caos, Tudose lascia, nominato Fifor

OCCHI SULL'EST - Il primo ministro ha governato per quasi sette mesi, lascia per dissensi interni al PSD

Keystone
Mihai Tudose lascia dopo sette mesi.
 
16
gennaio
2018
10:34
Andrea Colandrea

BUCAREST - Una riforma della giustizia che ha lasciato profondi strascichi nella società rumena e ripetuti dissidi interni al Partito socialdemocratico, hanno fatto sì che a quasi sette mesi dal termine del Governo di Sorin Grindeanu, anche il premier Mihai Tudose che gli è succeduto, abbia deciso di rassegnare le proprie dimissioni quest'oggi a Bucarest. Il Paese, dopo le ripetute proteste di piazza, è nuovamente nel caos. Dal profilo partitico, Tudose non ha più ottenuto sostegno dalla base socialdemocratica, dopo le ripetute tensioni con il presidente Liviu Dragnea. Quest'ultimo resta inquisito dal DNA, il Dipartimento nazionale anticorruzione diretto da Laura Codruta Kövesi (NEI SUGGERITI L'INTERVISTA DEL CORRIERE), per abuso d'ufficio e falsificazione di atti. Inoltre, lo stesso Dragnea si è visto congelare i propri beni per presunte malversazioni di fondi europei, accuse, neanche a dirlo, che ha sempre rispedito al mittente. Intanto, nel pomeriggio, il presidente Klaus Iohannis, ha nominato il nuovo capo del Governo ad interim nella persona di Mihai Fifor.

Articoli suggeriti

"Una battaglia senza sconti contro la corruzione"

OCCHI SULL'EST / (3. PUNTATA - ROMANIA) - ESCLUSIVA, PARLA IL PROCURATORE CAPO DEL DNA, LAURA CODRUTA KOVESI- Tangentopoli rumena: centinaia i politici indagati, molte le condanne nella più grossa inchiesta giudiziaria nella storia di questo Paese

Edizione del 16 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top