logo

Kosovo, 10 anni di speranze e ancora molto da fare

Il tempo è volato dall’autoproclamata indipendenza del Paese - Ma il presente è fragile e i conti con il passato non sono ancora saldati

 
28
maggio
2018
13:10
Marija Miladinovic

L'ultimo dei Paesi nati dalle ceneri della Jugoslavia festeggia quest'anno i primi dieci anni della propria indipendenza, autoproclamata nel febbraio 2008 dopo quasi otto anni di amministrazione ONU. Tante le cose che sono cambiate in un decennio, ancor di più quelle che si sperava sarebbero cambiate e invece sono rimaste le stesse. Se dieci anni fa si festeggiava la creazione del nuovo Stato sbandierando prevalentemente il simbolo nazionale albanese dell'aquila nera su sfondo rosso, alle celebrazioni di oggi – a conferma del fatto che una certa identità nazionale indipendente da quella albanese è effettivamente nata – sventola invece la bandiera giallo-blu, figlia di un compromesso dai colori europei raggiunto in mancanza di un drappo alternativo, con simboli nazionali politicamente accettabili per tutti.

Prossimi Articoli

Ecco com'è cambiata Lugano in 15 anni

Un viaggio, soprattutto fotografico, tra piccoli e grandi mutamenti avvenuti sulle rive del Ceresio

“Non sono pentito, mi avrebbero decapitato”

L'incredibile storia di Johan Cosar, a processo davanti alla Giustizia militare elvetica per aver combattuto le milizie dello Stato islamico

La diocesi ha davvero bisogno di un quotidiano?

Alcune riflessioni sulla crisi del Giornale del Popolo con Markus Krienke, professore di filosofia moderna e di etica sociale alla Facoltà di Teologia di Lugano

Edizione del 17 luglio 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top