logo

La diocesi ha davvero bisogno di un quotidiano?

Alcune riflessioni sulla crisi del Giornale del Popolo con Markus Krienke, professore di filosofia moderna e di etica sociale alla Facoltà di Teologia di Lugano

Reguzzi
 
08
giugno
2018
06:00
Carlo Silini

LUGANO - La crisi del «Giornale del Popolo» si presta ad alcune riflessioni legate al mondo della comunicazione nella Chiesa cattolica. Ma anche all'uso del denaro e dei beni ecclesiastici in generale. Per esempio: è davvero necessario per la diocesi avere un quotidiano? Non sono possibili modalità di comunicazione meno costose? Non esistono altre priorità? Domande lecite, soprattutto ai tempi di papa Francesco, che da un lato predica una Chiesa povera e dall'altro un uso sostenibile delle risorse finanziarie. Ne parliamo con uno studioso di questi temi, Markus Krienke, professore di filosofia moderna e di etica sociale alla Facoltà di Teologia di Lugano.

Prossimi Articoli

“Ecco cosa è davvero successo al GdP”

L'INTERVISTA - Dopo il decreto di fallimento del quotidiano, il vescovo di Lugano apre il libro col Corriere del Ticino

Edizione del 17 luglio 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top