logo

"Danno enorme abolire la libera circolazione"

Lo sostengono le parti sociali dell'industria MEM, che fanno fronte comune contro l'iniziativa lanciata dall'UDC

Reguzzi
 
14
febbraio
2018
11:10
ats

BERNA - Le parti sociali dell'industria metalmeccanica ed elettrica (industria MEM) sono concordi nel ritenere che gli accordi bilaterali I rivestano grande importanza per l'industria MEM della Svizzera. Si oppongono pertanto congiuntamente e con determinazione all'iniziativa per l'abolizione della libera circolazione delle persone lanciata dall'UDC e ai recenti attacchi che i democentristi hanno sferrato contro il partenariato sociale. L'iniziativa chiede la disdetta della libera circolazione con l'UE e pertanto provocherebbe automaticamente il venir meno di tutti gli accordi bilaterali I. Il danno economico per l'industria MEM e per tutti gli occupati attivi nel ramo sarebbe enorme.

Prossimi Articoli

Reati fiscali, no al pacchetto di contromisure

Il Consiglio federale afferma di non possedere dati affidabili sulla portata della sottrazione d'imposta in Svizzera

Sistema elettorale grigionese: ricorso di nuovo respinto

Cassato dal Tribunale cantonale amministrativo l'incarto potrebbe ora passare nelle mani del Tribunale federale

Cassis ringiovanito e “capellone”

Il simpatico ritratto fa parte della campagna del Parlamento dei giovani per avvicinare le nuove generazioni alla politica

Edizione del 23 febbraio 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top