logo

"Danno enorme abolire la libera circolazione"

Lo sostengono le parti sociali dell'industria MEM, che fanno fronte comune contro l'iniziativa lanciata dall'UDC

Reguzzi
 
14
febbraio
2018
11:10
ats

BERNA - Le parti sociali dell'industria metalmeccanica ed elettrica (industria MEM) sono concordi nel ritenere che gli accordi bilaterali I rivestano grande importanza per l'industria MEM della Svizzera. Si oppongono pertanto congiuntamente e con determinazione all'iniziativa per l'abolizione della libera circolazione delle persone lanciata dall'UDC e ai recenti attacchi che i democentristi hanno sferrato contro il partenariato sociale. L'iniziativa chiede la disdetta della libera circolazione con l'UE e pertanto provocherebbe automaticamente il venir meno di tutti gli accordi bilaterali I. Il danno economico per l'industria MEM e per tutti gli occupati attivi nel ramo sarebbe enorme.

Prossimi Articoli

Costi per la salute? “Se li conosci risparmi”

Mister prezzi: restano tra le preoccupazioni principali - Necessario puntare sulla trasparenza, migliorando la comunicazione per gli assicurati - SONDAGGIO

I frontalieri sono ancora di più

Nel nostro cantone sono aumentati su base annua: il loro numero è oggi 64.885 - Leggera diminuzione rispetto al trimestre precedente

FFS Cargo: salterebbero fino a 760 impieghi

Due ragioni spiegherebbero tali misure: l'apparato amministrativo troppo pesante e la necessità di aumentare l'efficacia

Edizione del 24 febbraio 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top