logo

Consiglio federale: “Occorre legiferare in materia di esecuzione e fallimento”

Il diritto attuale rende difficile per i privati indigenti sanare in modo duraturo le proprie finanze e per i creditori è arduo rivalersi sulle entrate future dei debitori

Archivio CdT
 
09
marzo
2018
11:59
Red. Online

BERNA - Il diritto svizzero in vigore non consente ai privati indigenti o fortemente indebitati di sanare in modo duraturo le proprie finanze. I creditori, dal canto loro, dispongono di possibilità ridotte di rivalersi sulle future entrate dei debitori. Ecco perché in un rapporto adottato il 9 marzo 2018 il Consiglio federale giunge alla conclusione che occorre legiferare in materia di esecuzione e fallimento.

Prossimi Articoli

Aumentano i casi di listeriosi in Svizzera

Ad annunciarlo è stato l'Ufficio federale della sanità pubblica

La Posta: la riorganizzazione è sulla buona strada

Il bilancio intermedio dell'azienda è ritenuto positivo - Entro il 2020 il numero degli uffici da 1400 diventeranno 800-900, i punti d'accesso dovrebbero aumentare da 3700 a 4000

Un arresto per la sparatoria a Oberentfelden

Sabato notte in un club privato del canton Argovia sono rimaste ferite tre persone - Il 32.enne è sospettato di essere attivamente coinvolto nel fatto

Edizione del 16 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top