logo

ETH, un quarto dei dottorandi si sente sfruttato

Il dato è emerso da un sondaggio condotto dallo staff scientifico del Politecnico di Zurigo, che ora indaga - Il problema maggiore: l’abuso della propria posizione da parte dei professori - La testimonianza di un ragazzo ticinese

ETH di Zurigo / Gian Marco Castelberg
 
12
maggio
2018
06:00

ZURIGO - Nuove accuse di mobbing all'interno del Politecnico federale di Zurigo (ETH): un sondaggio effettuato tra i dottorandi dall'Associazione accademica dello staff scientifico dell'ateneo (AVETH) ha rivelato che diversi di loro si sentono sfruttato dai loro superiori. Quasi un quarto di chi ha risposto alle domande loro poste nell'ambito del sondaggio ha denunciato abusi della propria posizione da parte dei professori. Gli intervistati lamentano soprattutto umiliazione, mancanza di rispetto e pressione psicologica. Lo stipendio, il frequente lavoro nel fine settimana e una pianificazione delle ferie non affidabile sono tra gli strumenti di pressione maggiormente segnalati. Quasi un terzo dei partecipanti critica inoltre il fatto che il loro superiore non prenda sul serio il proprio ruolo di mentore, risultando sovente assente e poco impegnato verso i suoi collaboratori. Un interrogato su 12 ha addirittura indicato di non aver ricevuto alcun aiuto. Davanti alle accuse il Politecnico non resta passivo: oltre a diverse proposte lanciate da un gruppo speciale di lavoro, ha avviato un'indagine su tre professori.

Difficile trovare dottorandi che affrontano tali difficoltà disposti a parlare. Ad aprirsi con noi è stato Andrea (nome di fantasia, le generalità sono note alla redazione), ticinese che sta frequentando un PhD in ingegneria e che per proteggersi ci chiede di rimanere nell'anonimato. «Io non mi posso assolutamente lamentare, ho molta fiducia verso i vertici del Politecnico. So però anche da certi professori non farei mai un dottorato».

Prossimi Articoli

Prete in manette per abusi sessuali

COIRA - La denuncia è partita dal vescovo Vitus Hounder - Il sacerdote si trova in detenzione preventiva

St. Moritz è la località più cara delle Alpi

Per acquistare un appartamento di 80 metri quadrati ci vuole più di un milione di franchi - Al secondo posto c'è Gstaadt

“Per la Svizzera è il momento della solidarietà”

Il presidente della Confederazione Alain Berset ha lanciato un appello alla solidarietà in occasione della Giornata nazionale di raccolta fondi a favore dei profughi rohingya in Bangladesh

Edizione del 24 maggio 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top