logo

“Rudolf Elmer non ha violato il segreto bancario”

La sentenza del TF conferma la decisione del Tribunale di Zurigo - L'ex direttore della filiale di Julius Bär era accusato di aver trasmesso dati sensibili a WikiLeaks

 
10
ottobre
2018
12:46
ats

LOSANNA - L'ex banchiere Rudolf Elmer non ha violato il segreto bancario. Lo ha stabilito il Tribunale federale (TF), che in una seduta pubblica ha respinto il ricorso in appello del Ministero pubblico zurighese.

La decisione è stata presa con tre voti contro due. La maggioranza è arrivata alla conclusione che l'imputato non lavorava per una banca svizzera, ma per la filiale indipendente alle Isole Cayman: impossibile quindi condannarlo per violazione del segreto bancario svizzero.

Soltanto i due giudici dell'UDC Yves Rüedi e Monique Jametti hanno appoggiato la tesi secondo cui la filiale alle Cayman operava su incarico della banca Julius Bär di Zurigo e che per questo motivo andrebbe applicata la legge svizzera sulle banche.

La decisione della massima istanza giudiziaria conferma la precedente sentenza del Tribunale cantonale di Zurigo, che il 23 agosto 2016 ha condannato l'ex banchiere, oggi 62enne, a quattordici mesi di prigione sospesi con la condizionale per falsità in documenti e minacce.

Il TF ha respinto anche il ricorso di Rudolf Elmer, che chiedeva di essere assolto dall'accusa di minacce e voleva essere risarcito per i 188 giorni passati in detenzione preventiva.

L'ex direttore della filiale della banca Julius Bär alle Isole Cayman (Antille) - licenziato nel 2002 - era accusato di aver trasmesso dati relativi ai clienti della banca alle autorità fiscali di vari Paesi, ad alcuni media, come pure nel 2008 al sito WikiLeaks.

Edizione del 22 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top