logo

AutoPostale: via libera alla nuova organizzazione

 
16
ottobre
2018
18:03
ats

BERNA - La nuova organizzazione AutoPostale integrerà circa la metà delle proposte formulate dai collaboratori nel corso della procedura di consultazione relativa alla riorganizzazione. Lo ha reso noto oggi l'azienda in un comunicato. In totale, durante le due settimane a disposizione, sono state presentate 67 misure da parte del personale.

I collaboratori hanno chiesto, fra l'altro, che i posti vacanti vengano attributi, per quanto possibile, a personale che ha già lavorato nell'azienda. Sono state, inoltre, auspicate misure di attenuazione per i collaboratori interessati dai cambiamenti. "Queste proposte vengono supportate dalla direzione di AutoPostale e saranno tenute in considerazione durante l'attuazione della nuova organizzazione", precisa la nota.

La valutazione del sindacato Syndicom è decisamente meno positiva. "La ristrutturazione è ben poco trasparente", ha detto il portavoce Christian Capacoel all'agenzia Keystone-ATS. Le informazioni sono talmente scarse che il sindacato ha rinunciato a fare proposte durante la consultazione.

La procedura di consultazione sulla riorganizzazione, prevista per legge, era stata avviata il 10 settembre e si è conclusa il 23 settembre. I collaboratori interessati hanno avuto la possibilità di sottoporre proposte "per evitare eventuali disdette del rapporto di lavoro o altre modifiche alle condizioni d'impiego, limitarne il numero o attenuarne le conseguenze". Con la decisione odierna, la Posta ha dato ufficialmente il via libera alla nuova organizzazione della sua filiale.

Dopo lo scandalo delle sovvenzioni, AutoPostale aveva annunciato una riorganizzazione che prevede la soppressione di 40-60 impieghi, pari a circa il 2% degli effettivi. Sono possibili anche cambiamenti per i collaboratori che riguardano i profili e le competenze richieste, così come le condizioni d'impiego. I dipendenti inoltre avranno un nuovo datore di lavoro giuridico, in seguito allo scioglimento della struttura holding e dell'accorpamento delle attuali cinque società di AutoPostale in un'unica unità (AutoPostale SA).

Prossimi Articoli

L'ombra del boicottaggio su diversi istituti finanziari elvetici

La COMCO ha aperto un'inchiesta nei confronti di Aduno Holding, Credit Suisse, PostFinance, Swisscard e UBS - Avrebbero favorito la soluzione TWINT "bloccando" Apple Pay e Samsung Pay

L'IVA sulla Billag sarà rimborsata

Così ha deciso il tribunale federale in una sentenza dello scorso 2 novembre - L'ammontare del risarcimento non è ancora stabilito con esattezza ma varierà fra i 50 e i 70 franchi

Sgominata una banda di spacciatori canapa

Una grossa operazione di polizia ha portato in carcere due uomini accusati di un ampio traffico tra Germania e Svizzera

Edizione del 16 novembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top