logo

Disoccupazione: tasso ai minimi da 10 anni

In giugno i senza lavoro erano 106.579, ben il 20,2% in meno rispetto al 2017 - In Ticino un calo di 0,5 punti su base annua

CdT
 
09
luglio
2018
09:49
ats

BERNA - Prosegue il calo della disoccupazione in Svizzera: in giugno i senza lavoro erano 106.579, ben il 20,2% in meno rispetto a giugno 2017 (-2,6% rispetto a maggio). Per ritrovare un valore così basso bisogna risalire a quasi dieci anni fa, ad ottobre 2008 per la precisione quando il loro numero era di poco superiore ai 100 mila.

Considerato che nel mese di gennaio del 2016 i senza lavoro erano ancora 163.644, il numero di disoccupati è quindi calato nel giro di due anni e mezzo di oltre un quarto (-28,5%).

Il relativo tasso, indica la Segreteria di Stato dell'economia (SECO), si è attestato in giugno al 2,4%, stabile rispetto a maggio ma in calo di ben 0,6 punti rispetto allo stesso mese dello scorso anno. L'ultima volta che aveva fatto segnare un valore simile era nel settembre 2008.

La SECO ha poi pubblicato anche il tasso di disoccupazione destagionalizzato, che è calato di 0,1 punti (rispetto a maggio) al 2,6%. Questo dato, precisa la Segreteria, permette di eliminare la componente stagionale, ossia il consueto calo della disoccupazione in primavera e l'aumento in autunno. Questa fluttuazione, che si ripete ogni anno, viene per così dire spalmata su dodici mesi.

In Ticino la disoccupazione colpiva 4178 persone per un tasso del 2,5%, in calo di 0,5 punti su base annuale (invariato rispetto a maggio). Nei Grigioni erano iscritti agli uffici di collocamento 1129 lavoratori, pari al 1,0% della popolazione attiva (-0,2 punti su base annuale, -0,5 punti rispetto a maggio).

I cantoni romandi rimangono i più colpiti dalla disoccupazione, ma sono anche quelli che fanno segnare i cali più importanti: con un tasso del 4,4% il primato negativo spetta a Neuchâtel (ma in calo di 0,8 punti rispetto a giugno 2017). Percentuale oltre il 4% anche a Ginevra (4,3%, pure in calo dello 0,8%).

Con un tasso dello 0,5%, Uri è invece il cantone con meno disoccupati (-0,3 punti su base annua). Percentuali inferiori all'1% anche a Obvaldo (0,6%; -0,2) e Nidvaldo (0,8%; -0,2).

Dai dati pubblicati dalla SECO emerge anche che il numero di giovani (15-24 anni) disoccupati è sceso di 3371 unità (-23,9%) rispetto a giugno 2017, a un totale di 10'737, cioè 164 persone (-1,5%) in meno rispetto a maggio. Il tasso per questa fascia di età si è attestato all'1,9%, in calo di 0,7 punti su base annuale e di 0,1 rispetto a maggio.

La SECO ha anche pubblicato il dato dei senza lavoro più anziani: la disoccupazione colpiva in giugno 31'104 persone di più di 50 anni, 5118 in meno (-14,1%) rispetto allo stesso mese dello scorso anno e 926 in meno rispetto a maggio. Il relativo tasso si è attestato al 2,3% (in calo di 0,4 punti su base annuale e di 0,1 rispetto a maggio) ed è quindi inferiore a quello riferito a tutta la popolazione attiva.

Per quanto riguarda la nazionalità, il tasso di disoccupazione relativo ai senza lavoro svizzeri era dell'1,8%. Quello relativo agli stranieri era invece del 4,1%.

Complessivamente, afferma ancora la SECO, le persone in cerca d'impiego registrate erano 179'777, l'8,7% in meno rispetto al corrispondente periodo dell'anno precedente (3,1% in meno rispetto a giugno). Tale cifra comprende, oltre ai disoccupati iscritti, le persone che frequentano corsi di riconversione o di perfezionamento, che seguono programmi occupazionali o che conseguono un guadagno intermedio. Il numero dei posti vacanti annunciati presso gli uffici di collocamento è salito a quota 16'854 (+4434 rispetto a giugno 2017, +1636 rispetto a marzo).

Per quel che concerne la disoccupazione parziale, in aprile (ultimo dato disponibile) sono state colpite dal lavoro ridotto 1'552 persone, ovvero 48 in più (+3,2%) rispetto al mese precedente. Il numero delle aziende colpite è diminuito di 27 unità (-18,0%), portandosi a 123. Il numero delle ore di lavoro perse è diminuito di 12'005 unità (-13,6%), portandosi a 76'484 ore. Nel corrispondente periodo dell'anno precedente (aprile 2017) erano state registrate 203'866 ore perse, ripartite su 4'020 persone in 459 aziende.

Sempre in aprile, afferma la SECO sulla base di dati ancora provvisori, i senza lavoro che hanno esaurito il diritto alle prestazioni dell'assicurazione contro la disoccupazione sono stati 2543 (3119 in marzo e 3072 in febbraio).

Edizione del 16 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top