logo

Il PS dice no a "Moneta intera" e sì alla Legge sui giochi in denaro

 
24
febbraio
2018
16:20
ats

ALTDORF - Il PS svizzero ha preso posizione sulle votazioni federali del 10 giugno: i delegati riuniti oggi ad Altdorf hanno respinto con 87 voti contro 40 l'iniziativa "Moneta intera" e appoggiato con 90 voti a 36 e 10 astensioni la Legge sui giochi in denaro.

Lo scopo dell'iniziativa "Per soldi a prova di crisi: emissione di moneta riservata alla Banca nazionale! (Iniziativa Moneta intera)", lanciata dall'associazione Modernizzazione Monetaria (MoMo), è quello di impedire alle banche di stampare denaro in maniera virtuale. Secondo i fautori del testo, il denaro appartiene ai cittadini e non agli istituti di credito e per questa ragione deve essere solo la Banca nazionale svizzera (BNS) a crearlo.

Per il PS il testo non permette di prevenire le crisi finanziarie. Darebbe anche alla BNS uno statuto simile a quello del Tribunale federale, mentre il PS vorrebbe al contrario un migliore controllo democratico sulla politica della Banca nazionale.

I delegati del PS si sono poi espressi a favore della Legge federale sui giochi in denaro. Per loro si tratta di un compromesso appropriato. La legislazione rafforza la protezione delle persone dipendenti e sottopone gli organizzatori di giochi in denaro alla legge sul riciclaggio. Permette inoltre di beneficiare delle entrate fiscali destinate alle opere sociali e ai progetti di utilità pubblica.

Edizione del 23 giugno 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top