logo

CF: aliquota massima canoni d'acqua mantenuta a 110 franchi/kWl

 
23
maggio
2018
14:17
ats

BERNA - I cantoni, in particolare quelli di montagna, possono tirare un sospiro di sollievo. Il Consiglio federale ha deciso oggi di mantenere invariata a 110 franchi per chilowatt lordo (fr./kWl) l'aliquota massima dei canoni d'acqua annui fino al 2024.

In un primo tempo, il Governo proponeva di ridurla a 80 fr./kWl dal 2020. Il Parlamento deve ancora pronunciarsi.

Il progetto di revisione transitoria della legge sull'utilizzazione delle forze idriche aveva suscitato numerose critiche durante la consultazione. I Cantoni, tra cui il Ticino e i Grigioni, e i Comuni avrebbero incassato 150 milioni di franchi l'anno in meno. Per questo le autorità cantonali si erano espresse a favore del mantenimento dell'attuale aliquota. Attualmente, dei 556,6 milioni che fruttano all'anno i canoni d'acqua, il Ticino ne incassa 55,1, i Grigioni 124, il Vallese 164, Uri 26, Berna 45 e Argovia 49.

Nelle intenzioni della consigliera federale Doris Leuthard, durante il periodo 2020-2022 il canone massimo annuo sarebbe passato dagli attuali 110 a 80 fr./kWl. A partire dal 2023 questo regime transitorio sarebbe stato sostituito da un modello flessibile, con un'aliquota massima del canone annuo composta da una parte fissa e da una parte variabile, dipendente dal prezzo di mercato.

Della riduzione avrebbero beneficiato i gestori di centrali idroelettriche, alcuni dei quali sono al momento in difficoltà a causa del basso prezzo della corrente. In consultazione taluni gestori si erano però detti scettici e avevano proposto un'immediata introduzione di una normativa flessibile, si legge in una nota governativa odierna.

Dal canto suo, Economiesuisse si era opposta alla riduzione del canone annuo soltanto per le centrali deficitarie. Secondo l'organizzazione delle imprese svizzere questo trattamento differenziato avrebbe penalizzato i produttori efficienti.

Di fronte a queste critiche il Governo ha abbandonato il progetto iniziale. Nel suo messaggio trasmesso al Parlamento si limita a cambiamenti minimi. Oltre allo statu quo sull'importo dell'aliquota massima fino al 2024, l'esecutivo prevede di esonerare dal canone annuo per i primi dieci anni le nuove centrali idroelettriche che beneficiano di un contributo d'investimento.

Un alleggerimento è pure accordato agli impianti che hanno effettuato grossi lavori di ampliamento.

Edizione del 23 giugno 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top