logo

Arriva il “matrimonio light”

Via libera all'unione civile anche per una coppia etero in Gran Bretagna: previsti diritti e impegni più leggeri rispetto alle nozze classiche

fotogonnella
 
27
giugno
2018
12:15
ats

LONDRA - Via libera all'unione civile anche per una coppia eterosessuale in Gran Bretagna, come una sorta matrimonio light. Lo ha deciso con una sentenza innovativa la Corte Suprema del Regno, accogliendo il ricorso presentato da Rebecca Steinfeld, 37 anni, e Charles Keidan, 41 anni, di Londra, che chiedevano di vedersi riconosciuto il diritto a questo tipo di partnership (prevista originariamente per le coppie omosessuali) al posto delle nozze tradizionali.

La Corte Suprema ha giudicato l'applicazione esclusiva del Civil Partnership Act del 2004 alle coppie dello stesso sesso incompatibile con il dettato della Corte Europea per i Diritti Umani.

L'unione civile prevede diritti e impegni assimilabili a quelli del matrimonio (in materia di eredità, pensioni e tasse), ma più leggeri.

In Gran Bretagna era nata come una risposta alle istanze del movimento Lgbt (lesbiche, gay, bisessuali e transgender )14 anni fa. Tuttavia, essendo rimasta in vigore anche dopo il varo nel 2014 della legge sulle nozze gay, rischiava di sancire ormai secondo vari giuristi una forma di disparità se non concessa pure alle coppie etero.

Prossimi Articoli

De Sfroos improvvisa: “Le palle del guidatore girano a tutte le ore”

Il noto cantautore lariano, prigioniero del traffico, compone una canzone al volante - VIDEO

La foto sul documento è diversa, arrestato il “Ken umano”

L'ex concorrente del "Grande Fratello" è stato fermato dagli agenti tedeschi: sul passaporto un'immagine di lui prima della chirurgia estetica

“Fate la pipì su Donald Trump”

A New York spuntano statuette del presidente Usa con l'invito: "Pee on Me" - Su di esse una sostanza che invoglia i cani ad urinare - VIDEO

Edizione del 16 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top