logo

Case di vacanza, il mercato riparte

Grazie all'aggregazione, in nove ex Comuni della nuova Bellinzona la quota di residenze secondarie ritorna sotto il 20%

Maffi
Secondo gli ultimi dati pubblicati dall'Ufficio federale dello sviluppo territoriale nella nuova Bellinzona la quota di residenze secondarie si attesta al 17,1%.
 
14
aprile
2018
06:00

BELLINZONA - Mercato delle case di vacanza riaperto in nove ex Comuni, oggi quartieri della nuova Bellinzona. È questo uno degli effetti positivi dell'aggregazione concretizzatasi con l'elezione comunale di un anno fa. Secondo i dati pubblicati il 29 marzo scorso dall'Ufficio federale dello sviluppo territoriale la nuova Bellinzona con i suoi tredici quartieri registra una quota di abitazioni secondarie pari al 17,1%. Quindi al di sotto del fatidico 20% oltre il quale, secondo l'iniziativa Weber accettata in votazione dal popolo svizzero nel 2012 e trasformata in Legge federale nel 2015, non è di principio più possibile costruire case di vacanza. Prima dell'aggregazione oltre la quota del 20% per quanto riguarda le residenze secondarie si situavano, come detto, nove ex Comuni oggi divenuti quartieri della nuova Bellinzona: Claro, Gnosca, Gorduno, Gudo, Moleno, Monte Carasso, Pianezzo, Preonzo, e Sant'Antonio. La riapertura del mercato delle residenze secondarie, evidenzia al CdT il municipale Simone Gianini, capodicastero Territorio e mobilità, potrebbe avere dei risvolti positivi in termini di attrattività e di mantenimento della popolazione soprattutto nelle zone più discoste della nuova Città.

Prossimi Articoli

Berna finisce sulla Spiaggetta

Arbedo: due cittadini hanno scritto all'Ufficio federale dello sviluppo territoriale chiedendo se per il lido naturale sono rispettate le norme edilizie

Edizione del 22 luglio 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top