logo

Matteo Cheda, è di nuovo diffamazione

Il giornalista bellinzonese è stato ancora una volta ritenuto colpevole nei confronti dell'ex municipale Filippo Gianoni e del padre Franco

 
 
17
aprile
2018
10:58

BELLINZONA – Condanna era e condanna rimane. A distanza di quattro anni dal primo verdetto il giornalista indipendente di Bellinzona Matteo Cheda è stato nuovamente ritenuto colpevole oggi, in Pretura penale, di ripetuta diffamazione. La giudice Elettra Orsetta Bernasconi Matti gli ha inflitto una pena pecuniaria sospesa di 20 aliquote giornaliere da 50 franchi, confermando in pratica quasi integralmente la tesi sostenuta dalla procuratrice pubblica Marisa Alfier. Il 50.enne, che si è presentato in aula senza avvocato, ha già annunciato che ricorrerà contro la sentenza alla Corte di appello e di revisione penale di Locarno. La vertenza, come noto, vedeva contrapposti da una parte Matteo Cheda e dall'altra l'ex municipale cittadino Filippo Gianoni e il padre Franco, i quali si sentivano diffamati per due articoli e un fumetto satirico pubblicati tra la fine del 2010 e l'inizio del 2011. L'imputato è stato prosciolto per un articolo e condannato per l'altro e per l'opuscolo.

Articoli suggeriti

"Non smetterò certo di lottare"

Bellinzona, il giornalista Matteo Cheda di nuovo a processo per la vertenza che lo contrappone ai Gianoni - Ha chiesto di essere assolto, mentre per gli accusatori privati "ha gettato solo fango"

Sorpresa: Cheda a processo

Bellinzona, tutto da rifare nel caso che vede il giornalista accusato dall'ex municipale Filippo Gianoni e dal padre Franco di averli diffamati attraverso due articoli e un fumetto

Edizione del 18 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top