logo

“Minori furbetti? Non paghi il gerente”

GastroTicino critica la nuova Legge sulla ristorazione: "Se un minorenne presenta documenti falsi non si deve sanzionare il gerente"

Zocchetti
 
16
aprile
2018
06:00

BELLINZONA - A GastroTicino il secondo pacchetto di modifiche alla legge sugli esercizi alberghieri e sulla ristorazione (Lear) piace. Lo conferma la presa di posizione inviata al Dipartimento delle istituzioni allo scadere della consultazione avviata sul dossier a metà febbraio. Tra gli appunti mossi al progetto dall'associazione di categoria spicca tuttavia quella che viene definita una «riflessione» ma che di fatto rappresenta una proposta concreta. L'ambito, è quello dei minorenni scovati in locali destinati a soli over 18., secondo GastroTicino a pagare per queste irregolarità non dovrebbero essere sempre i gerenti dei locali. O perlomeno non se questi hanno cercato di fare tutto il possibile per arginare il fenomeno. «La nostra associazione ritiene inopportuno – in presenza di un controllo all'entrata di un esercizio pubblico – che il gerente venga sanzionato se il documento di legittimazione presentato dal cliente risultasse in seguito falsificato, o se si sia in presenza di un utilizzo inappropriato di un documento valido» si legge nella presa di posizione. Ma non solo, per rendere la norma più efficace secondo l'associazione «andrebbe sanzionato anche il cliente in caso di utilizzo di un documento falso o di utilizzo inappropriato di un documento valido». Per il presidente dell'associazione Massimo Suter, inoltre, si rischia di fare "un torto morale a quei proprietari attenti alla sicurezza".

Prossimi Articoli

Lista PPD, gli ex presidenti esclusi non ci stanno

Giovanni Jelmini: “Sorpreso, ma la scelta definitiva spetta ad altri” - Fabio Bacchetta-Cattori: “Quello della Commissione cerca è un preavviso”

Operai dell'edilizia in piazza a Bellinzona

La manifestazione organizzata da OCST e UNIA ha incanalato il dissenso per il rinnovo del contratto nazionale mantello - LE FOTO

Furti sulle imbarcazioni, tempi difficili per i motori fuoribordo

La Polizia cantonale: gli autori provengono prevalentemente dall'Europa dell'Est o dall'area dei Balcani - Due gli arresti con la refurtiva ancora nel veicolo

Edizione del 16 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top