logo

Lista PPD, gli ex presidenti esclusi non ci stanno

Giovanni Jelmini: “Sorpreso, ma la scelta definitiva spetta ad altri” - Fabio Bacchetta-Cattori: “Quello della Commissione cerca è un preavviso”

Archivio CdT / Reguzzi
 
16
ottobre
2018
06:00
Red. Cantone

BELLINZONA – La lista della Commissione cerca del PPD per la corsa al Consiglio di Stato genera malumori e interrogativi. Archiviata la prima fase per determinare il quintetto azzurro – composto da Paolo Beltraminelli, Raffaele De Rosa, Elia Frapolli, Michele Rossi e Alessandra Zumthor – c'è infatti chi guarda già alla Direttiva e soprattutto al Comitato cantonale cui spetterà l'ultima parola. A non fare mistero delle rispettive ambizioni sono due esclusi illustri, entrambi già presidenti del PPD. Dopo aver rilanciato la propria disponibilità su Facebook, Giovanni Jelmini non nasconde inoltre un certo scetticismo: «Più che amareggiato sono sorpreso perché quando sono stato convocato dalla commissione cerca mi è stato manifestato un interesse per la mia disponibilità anche in qualità di rappresentante del Mendrisiotto; escludere il Mendrisiotto non mi sembra una buona idea. Apprezzo chi si è messo a disposizione della Commissione cerca, a partire dal presidente Passalia, perché è un lavoro duro, di equilibri e difficilmente fa l'unanimità. La Commissione propone cinque nomi ma la scelta definitiva passa da altri gremi». E a fargli eco è il deputato Fabio Bacchetta-Cattori: «Amareggiato per l'esclusione? No, prendo atto della scelta della Commissione che, comunque, rappresenta un preavviso. Un preavviso che dovrà ancora essere discusso e deciso dagli organi competenti del partito. Da parte mia confermo ancora la mia disponibilità a correre».

Prossimi Articoli

No a “Ticino Laico”, sì a “Grazie Cardiocentro!”

Lo ha reso noto la Cancelleria dello Stato: i risultati sul Foglio ufficiale di domani

Scoprire l'impatto economico della cultura in Ticino

Studio avviato dal DFE e dal DECS: i risultati sono attesi nel primo semestre del 2020

Sorpresa, nella bucalettere due materiali di voto

Dopo il trasloco un elettore si è visto recapitare la carta di legittimazione sia da Bellinzona sia da Lugano

Edizione del 16 novembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top