logo

Gli aggressori di Gravesano restano dietro le sbarre

Dopo il pestaggio di un anno fa ai danni di un 21.enne ticinese i due giovani, già condannati, rimarranno in detenzione fino al processo d'appello

Maffi
 
14
febbraio
2018
18:04
Red. Online

LUGANO - Pugno duro contro la violenza. I due giovani che il 24 febbraio di un anno fa, tornando dal carnevale Rabadan di Bellinzona, avevano aggredito un 21.enne provocandogli diverse gravi lesioni, resteranno in stato di detenzione fino al processo d'appello. Lo ha anticipato quest'oggi la RSI sul suo sito, dopo che la scorsa settimana la Corte dei reclami penali (CRP) si era opposta al ricorso presentato dai loro legali, contro la decisione di carcerazione presa dal giudice Amos Pagnamenta. Entrambi i giovani sono stati condannati: il 25.enne italo-brasiliano si è visto infliggere tre anni e nove mesi per tentato omicidio (più l'espulsione dalla Svizzera); l'altro giovane dovrà scontare tre anni e mezzo per aggressione.

 

 

Prossimi Articoli

Morcote, caduto un masso di oltre 5 tonnellate

Si è staccato dalla montagna antistante la strada Cantonale, dove si è fermato senza provocare danni

Lite nel traffico, i testimoni non fugano i dubbi

Alla sbarra in Pretura un 40.enne accusato di aver strattonato per i capelli una donna in via Maraini a Lugano – Sostiene di essersi solo difeso

Azione di protesta davanti al Corriere

Il "Collettivo studentesco indipendente" se la prende col nostro giornale, "colpevole" di avere pubblicato l'opinione di un cittadino contrario al Pride

Edizione del 21 maggio 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top