logo

Medico accusato di omicidio colposo

Viceprimario dell'Ospedale regionale di Lugano comparirà a processo alle Assise correzionali, dovrà rispondere sul caso della morte di una donna di 25 anni

 
 
12
marzo
2018
18:02
Red. Online

LUGANO - Un medico dell'Ospedale regionale di Lugano apparirà quanto prima davanti ai giudici delle Assise correzionali cittadine per rispondere di omicidio colposo. Il vice primario, secondo l'accusa, avrebbe una avuto una sua responsabilità nella morte di una donna di 25 anni che aveva chiesto di essere curata nel nosocomio regionale. Il medico, che nega tutti gli addebiti, è stato rinviato a giudizio. La donna, secondo quanto indica il sito della RSI, il 20 novembre di sei anni fa, si era presentata all'ospedale dopo essere svenuta. La giovane, che non voleva saltare gli esami di avvocatura, fu dimessa il giorno successivo, ma l'8 dicembre ebbe di nuovo un malore e tornò in ospedale. Fu ricoverata d'urgenza all'Italiano, ma morì per una tromboembolia polmonare. Il PG Noseda aprì un'inchiesta su cinque persone coinvolte, più precisamente su tre medici e due assistenti. Per quattro delle persone finite sotto indagine è già stato firmato un decreto d'abbandono. Per il medico, invece, l'inchiesta è andata avanti. Il professionista è difeso da Mario Branda. Bocche cucite sulla vicenda, intanto, all'Ente ospedaliero cantonale.

 

Prossimi Articoli

Dieci mesi al chirurgo che gonfiava le fatture

Il 57.enne, che operava nell'assistenza e cure a domicilio, è stato condannato dalla Corte delle Assise correzionali di Lugano, la pena è sospesa per due anni - I fatti risalgono a oltre un decennio fa

Edizione del 16 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top