logo

Motivati a giocare da Dio

Tutto pronto a Lugano per il sedicesimo torneo di calcio fra seminaristi ticinesi e lombardi - Don Claudio Mottini: "Vorranno vincere, è normale, ma ricordino le parole di San Paolo"

Archivio CdT
 
16
aprile
2018
06:00
Giuliano Gasperi

LUGANO - Dalla prima lettera di San Paolo apostolo ai Corinzi: «Non sapete che, nelle corse allo stadio, tutti corrono, ma uno solo conquista il premio? Correte anche voi in modo da conquistarlo! (...) Essi lo fanno per ottenere una corona che appassisce, noi invece una che dura per sempre». Secondo le scritture, quindi, i seminaristi impegnati il prossimo 26 aprile a Cornaredo dovranno correre per un traguardo ben più elevato della vittoria di una finale. Se in questo percorso, poi, dovessero trovarsi con la palla di fronte al portiere avversario, nulla vieterà loro di buttarla dentro e lasciarsi andare alla gioia di un'esultanza. Si preannuncia come un simpatico intreccio fra sacro e profano la sedicesima edizione ticinese del Torneo dei seminari lombardi e di Lugano. Torneo che avrà inizio alle 14 e che sarà seguito alle 19 dai vespri nella Cattedrale di San Lorenzo e da una cena sotto il palazzo vescovile.

Prossimi Articoli

Crollo in galleria, USTRA accusatore privato

L'Ufficio federale delle strade potrebbe pretendere un risarcimento milionario nel caso venga provata la colpevolezza delle otto persone indagate

Il Tamaro si reinventa ancora, con l'arte

Presentata la mostra permanente di diciannove grandi sculture dell'artista ticinese Ivo Soldini

Luce verde al piano per salvare il Casinò

Il Consiglio comunale di Campione d'Italia lo ha avallato per scongiurare la richiesta di fallimento per inadempienza

Edizione del 22 luglio 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top