logo

Il “samurai del sushi” conquista Morcote

A S.Pellegrino Sapori Ticino i profumi mediterranei incontrano l'Oriente: così nasce la grande cucina di Wicky Priyan

 
05
giugno
2018
10:46
Carlotta Girola

MORCOTE - Grande cuore e una buona dose di disciplina: sono questi gli ingredienti per la ricetta vincente della cucina di Wicky Priyan, lo chef del Wicky's Wicuisine di Milano, che ha regalato a S.Pellegrino Sapori Ticino una serata di grande gastronomia giapponese. Laureato in criminologia e grande conoscitore di arti marziali, dalle quali ha imparato il rigore che regna tra i suoi fornelli, lo chef di origini cingalesi è stato scelto dal festival enogastronomico per rappresentare al meglio l'antica tradizione culinaria giapponese. Dopo l'infanzia in Sri Lanka, Priyan si è trasferito all'età di 7 anni in Giappone, dove ha avuto il privilegio di essere accettato alla corte del maestro Sushi Kan, uno dei nomi più importanti nel settore, dal quale ha imparato i segreti del piatto simbolo del Paese del Sol Levante. Lo scorso 3 giugno, affiancato dall'executive chef dello Swiss Diamond di Morcote, Egidio Iadonisi, i suoi 9 piatti sono stati un mix appassionante di ingredienti mediterranei e tecniche nipponiche, materie prime presentate crude e cotture lunghissime a bassa temperatura. Complessa e molto varia, declinata tra pesce, carne e mille sfumature di sapore tra marinature e tecniche di taglio e cottura, la tradizione gastronomica giapponese si è presentata al pubblico di S.Pellegrino Sapori Ticino nel suo aspetto più gourmand e contemporaneo.

Particolare e un po' fuori dagli schemi anche l'abbinamento dei vini al ricco menu. Se i primi piatti proposti dallo chef milanese sono stati accompagnati dallo champagne Laurent-Perrier Ultra Brut, il percorso gastronomico è proseguito con lo champagne Laurent-Perrier Brut Millésimé 2007, una scelta perfetta per le pietanze con pesce e carne cruda. Si è poi tornati alle eccellenze del territorio con il Bianca Maria 2017 della Tenuta Castello di Morcote, che ha elegantemente tenuto il passo con i sapori sempre in crescendo del menu. La sfida della cantina di Vico Morcote è stata vinta anche con l'abbinamento tra il piatto a base di Merluzzo nero d'Alaska e il Castello di Morcote Rosso 2015, una "licenza poetica" che ha dato i suoi frutti. A completare il tutto è arrivato anche il Sakè Dassai 23 che lo chef ha voluto sulle tavole per rendere omaggio anche al Giappone "da bere". Insieme al dessert, infine, la "ciliegina sulla torta" è stato lo Champagne Laurent-Perrier Cuvée Rosé.

Prossimi Articoli

Crollo in galleria, USTRA accusatore privato

L'Ufficio federale delle strade potrebbe pretendere un risarcimento milionario nel caso venga provata la colpevolezza delle otto persone indagate

Il Tamaro si reinventa ancora, con l'arte

Presentata la mostra permanente di diciannove grandi sculture dell'artista ticinese Ivo Soldini

Edizione del 23 luglio 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top