logo

Nove indagati per un riciclaggio a sei zeri

Primo processo di una serie al Tribunale penale federale: alla sbarra un'operatrice finanziaria ticinese che avrebbe aiutato una famiglia di pregiudicati italiani a lavare del denaro

archivio CdT
 
14
settembre
2018
06:00

BELLIZONA - È iniziata al Tribunale penale federale di Bellinzona una serie di processi relativi a presunti riciclaggi milionari a opera di una famiglia di pregiudicati italiani, i Magnone. Ieri in aula vi era un'operatrice finanziaria ticinese accusata di aver favorito parte del loro lavaggio di denaro tramite una società a Lugano dietro cui in realtà si nascondeva il capofamiglia. La sentenza è attesa a giorni.

La donna era accusata di avere riciclato tramite almeno 25 transazioni a beneficio di Paolo Magnone (il capofamiglia) oltre 200.000 franchi. Di queste, però, per 23 è nel frattempo subentrata la prescrizione. Se la sentenza non cadrà oggi verrà inoltre prescritto un ulteriore prelievo, e se la donna verrà in effetti condannata (la difesa ne chiede il proscioglimento), lo sarà per un singolo prelievo da mille franchi.

Prossimi Articoli

Pestaggio di Gravesano, fu tentato omicidio

Condanna inasprita in Appello per il 26.enne ticinese (riconosciuto colpevole d'aggressione in primo grado) che in correità con il 26.enne italobrasiliano pestò nel 2017 un loro amico per un piccolo debito, lasciandolo per morto

Investito dall'autopostale: la vittima è un 48.enne italiano

È stato identificato lo scooterista morto ieri in un terribile incidente a Cademario

Prosciolta e rimborsata la presunta riciclatrice

È una 52.enne ticinese accusata di aver riciclato oltre 200.000 franchi provenienti da attività criminali della famiglia Magnone

Edizione del 20 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top