logo

Alla guida senza patente, otto mesi di carcere

Condannato un 41.enne italiano con altre condanne specifiche alle spalle negli ultimi anni: "Una pena pecuniaria in questo caso non basta più"

archivio Maffi
 
14
settembre
2018
12:32
StF

LUGANO - Normalmente, essere pizzicati alla guida di una moto senza avere la licenza per condurla non apre le porte del carcere. Non è andata così oggi alle Assise correzionali di Lugano, presiedute dalla giudice Rosa Item, per un 41.enne italiano residente a Bissone. E questo per una combinazione di precedenti specifici e di pene mai pagate.

L'uomo infatti negli ultimi tre anni aveva già accumulato tre condanne (sfociate in pene pecuniarie) per guida di un'auto in stato di inattitudine o in revoca di patente (mentre quella per la moto non l'ha mai avuta). Pene però, per vari motivi, mai saldate.

"Per quanto concerne la guida è un delinquente incallito, nonché un menefreghista: le precedenti condanne non lo interessano", ha dichiarato il procuratore pubblico Roberto Ruggeri, che aveva chiesto 14 mesi di detenzione. "Ha infranto la legge in modo reiterato, ma non ha pagato il delitto. A questo giro una pena pecuniaria non basta".

Il suo difensore, l'avvocato Vincenzo Luisoni, non si è opposto al carcere, ma si è battuto per una pena interamente sospesa: "Il mio assistito non è né un delinquente incallito, né un menefreghista. È una persona normale che si è trovato in una situazione difficile".

Item ha infine optato per una condanna a 8 mesi di carcere, da espiare (anche in forma facilitata): "Colpisce la Corte che l'imputato non sembra aver interiorizzato la gravità del suo reiterato comportamento, al di là dei proclami".

Prossimi Articoli

Pestaggio di Gravesano, fu tentato omicidio

Condanna inasprita in Appello per il 26.enne ticinese (riconosciuto colpevole d'aggressione in primo grado) che in correità con il 26.enne italobrasiliano pestò nel 2017 un loro amico per un piccolo debito, lasciandolo per morto

Investito dall'autopostale: la vittima è un 48.enne italiano

È stato identificato lo scooterista morto ieri in un terribile incidente a Cademario

Prosciolta e rimborsata la presunta riciclatrice

È una 52.enne ticinese accusata di aver riciclato oltre 200.000 franchi provenienti da attività criminali della famiglia Magnone

Edizione del 20 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top