logo

Volevano riforestare il Costa Rica, finiscono in Tribunale

Un medico e un contabile del Luganese hanno raccolto 280.000 franchi per mettere a dimora 400 alberi a San Josè - Non solo l'investimento è sfumato, ma sono anche stati denunciati per aver agito accidentalmente come una banca

via Wikimedia
Una piantagione di teak, uno dei tipi d'albero acquistati tramite la società luganese.
 
11
ottobre
2018
06:00
StF

LUGANO/BELLINZONA/SAN JOSÈ - Un medico 77.enne del Luganese, spinto da un impulso ecologista (ma anche finanziario), si è adoperato contro la deforestazione in Costa Rica comprando alberi da mettere a dimora (con la prospettiva di incassare i proventi della vendita del legno). Un'idea che ha fatto proseliti tra i suoi familiari e alcuni suoi pazienti (31 in tutto) che, tramite una sua società con sede nel Luganese, hanno seguito il suo esempio. Il loro investimento – oltre 280.000 franchi – è però sfumato qualche anno più tardi, in seguito a problemi che hanno colpito la società costaricana con cui erano in affari.

E ora la vicenda ha un risvolto penale, ma non per la scomparsa dei soldi (fra cui quelli del dottore stesso). Bensì perché il medico e l'amministratore unico della società Luganese (un contabile 49.enne della regione) sono accusati di aver agito come una banca, senza avere le necessarie autorizzazioni. Loro affermano che non potevano sapere di stare violando questa norma.

Per chiarire la vicenda i due erano in aula ieri al Tribunale penale federale, dopo essersi opposti a una decisione penale. L'accusa da combattere era l'accettazione indebita di depositi del pubblico, una violazione della legge sulle banche. I loro legali hanno chiesto il proscioglimento. Se condannati, gli verrà comminata una pena pecuniaria sospesa.

Prossimi Articoli

Vedeggio-Cassarate: scontro tra due auto, traffico in tilt

Ferite lievi per le due persone coinvolte nel sinistro

Nussbaumer a processo per maltrattamento di animali

Il procedimento si terrà oggi in Pretura penale a Bellinzona - Il medico dovrà rispondere anche di infrazione alla Legge sugli stupefacenti

Due ciclabili alla conquista del Ceresio

Uno studio di fattibilità dice che la Paradiso-Melide è realizzabile – A Ponte Tresa si attende uno studio geologico per capire se si potrà creare una nuova riva profonda una trentina di metri

Edizione del 22 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top