logo

La Carristar chiude i battenti, 11 impiegati senza lavoro

La storica camiceria di Arzo dopo 79 anni getta la spugna in conseguenza delle mutate condizioni di mercato

fotogonnella
 
13
aprile
2018
19:00
Red. Online

ARZO - Un'altra azienda ticinese chiude i battenti. Dopo 79 anni, questa volta a gettare ufficialmente la spugna a causa delle difficoltà e alla mancanza di prospettive economiche, è la Carristar di Arzo, storica camiceria del Mendrisiotto. Sono infatti fallite le trattative con sei investitori, come ha anticipato questa sera TeleTicino. Il termine dell'attività è fissato a fine mese, dopo alcune infruttuose trattative avvenute con investitori privati: i contatti con sei operatori del ramo sono infatti terminati in un nulla di fatto. È stato lo stesso direttore della camiceria Paolo Carri a fare il punto con i colleghi di Melide: "Sono venuti, hanno analizzato i nostri conti e hanno capito tutti che produrre in Svizzera è impossibile" ha spiegato amareggiato Carri. Perderanno il loro posto di lavoro undici persone alle quali sono già state inviate le disdette. 

 

 

Prossimi Articoli

L'ultimo ritardo è per Malpensa

Il varo della linea S50, con collegamenti a cadenza oraria da e per lo scalo varesino, da dicembre 2018 slitta alla metà dell'anno prossimo

Edizione del 22 luglio 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top