logo

Mendrisio, PLR orientato verso il futuro

Il partito in assemblea per la prima volta dopo la storica vittoria alla guida dell’Esecutivo - Tra bilanci e programmi si progettano i prossimi due anni

 
13
giugno
2018
06:00
Red. Chiasso

RANCATE - L'ordine del giorno dell'assemblea generale del PLR di Mendrisio, che si è tenuta ieri a Rancate, non aveva contenuti di spicco. L'occasione però è stata quella, a poco più di due settimane dal successo alle elezioni comunali, di ringraziamenti, bilanci e prime valutazioni per il futuro. I presenti all'assemblea, aperta dal presidente sezionale Tiziano Calderari, hanno accolto con un lungo applauso il primo sindaco PLR di Mendrisio dopo 46 anni, Samuele Cavadini, il secondo municipale, Samuel Maffi, il presidente del Consiglio comunale, Nicola Rezzonico, e il capogruppo, Giovanni Poloni, tutti seduti in prima fila e testimoni fisici del successo che il partito sta vivendo in questo momento. È stato un anno particolare, «doveva essere tranquillo, in cui prepararsi con calma alle future elezioni comunali e cantonali», ha commentato Calderari. «Poi, in dicembre, sono arrivate le dimissioni di Carlo Croci, – ha continuato – e ci siamo messi in gioco, non senza il timore di una possibile débâcle, ma prendendoci la responsabilità di dire la nostra». «Il finale non poteva andare meglio di così», ha poi aggiunto.

Edizione del 23 giugno 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top